ISCRIZIONI / A.S. 2016-2017
Richiedi un colloquio coi presidi di indirizzo.

INTERESSATO ALLA NOSTRA OFFERTA FORMATIVA?
Lascia i tuoi dati, ti ricontatteremo.

INTERESSATO ALLE NOSTRE ATTIVITÀ?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Consulta tutti i numeri della newsletter.



PER I LICEI SCIENTIFICI

PER IL LICEO ECONOMICO-SOCIALE

PER IL LICEO CLASSICO


Il Liceo Don Gnocchi è dotato di un laboratorio di Fisica e di uno di Chimica e Biologia di notevole livello. Le lezioni di Fisica e Scienze di tutti i Licei utilizzano ampiamente l’attività laboratoriale. I ragazzi di Terza Media possono trascorrere due ore di lavoro in laboratorio, guidati dai Docenti della Scuola e da studenti degli ultimi anni.

Si tratta di una lezione di introduzione all’Economia e alle Scienze umane riservata agli studenti di Terza media organizzata da un docente del liceo economico-sociale insieme ad alcuni studenti allo scopo di mostrare ai ragazzi le due discipline d’indirizzo del Liceo Economico-Sociale. La lezione durerà un’ora mezza circa.

Per tutte le famiglie interessate al Liceo Classico, il giorno SABATO 16 GENNAIO 2016, ospiteremo una lezione-lettura di presentazione del volume del Prof. Giuseppe Zanetto, ordinario di letteratura greca all’Università statale di Milano su Ulisse, espressamente dedicata ai ragazzi della scuola media. Per segnalare il proprio interessamento compilare il form online a cui si accede cliccando sul bottone.


PER L’ALBERGHIERO


L’Istituto Alberghiero Don Gnocchi è dotato di un laboratorio di Cucina e di Sala/Bar di notevole livello. Gli studenti svolgono quotidianamente le attività di laboratorio, vivendo in prima persona l’esperienza reale del Ristorante Didattico aperto al pubblico. I ragazzi di Terza Media possono trascorrere tre ore di lavoro in laboratorio, guidati dai Docenti della Scuola e da studenti degli ultimi anni.


Liberi di Conoscere

L’educazione è per sua natura un dramma, l’interferenza tra persone che giocano la loro partita, crescono, si perdono o fioriscono secondo una traiettoria misteriosa, suggerita dalla spinta affascinante e tremenda della libertà. Entrare in classe è giocare la partita della vita: percepire ciò che è presente, assumersi la responsabilità di una proposta, accettare il rischio della verifica, implicarsi con le possibilità sorprendenti e impreviste che ne possono scaturire. Entrare in classe è “fare”, rischiare, sbagliare, mettersi a repentaglio, e custodire tutto il buono che ne emerge. 
Insieme, non da soli.
La nostra scuola è nata per amore alla libertà delle persone e per una passione alla conoscenza della realtà. Per questo ci interessano “le cose” e le parole che le descrivono, gli accenti musicali e letterari che fanno vibrare l’animo e l’intelletto, le linee e i colori che rappresentano persino oltre i confini del rappresentabile, i segni, i numeri, i simboli che misurando rasentano l’incommensurabile. Ci è caro il sapore del pane e del vino, il lavoro e la lotta degli uomini, la fatica della vita, la politica che si occupa della città degli uomini in cui abitiamo.
 Ci è caro scoprire il nesso potente che tiene insieme tutto questo e lo lega a noi.